Progetto

Descrizione

Il progetto Maglie Jazz Summer School è una iniziativa dalla Associazione Culturale Jazz “Bud Powell” di Maglie, realtà operante sul territorio già dal 2009 con una intensa attività volta a promuovere e divulgare la musica, con particolare riguardo al jazz, attraverso concerti, jam sessions, masterclass e che vanta collaborazioni con musicisti di fama nazionale e internazionale.

La Summer School si articola in 6 classi (una per ogni strumento: fiati, piano, voce, chitarra, contrabbasso, batteria) composte da 5 partecipanti ognuna.

Durante il mattino, i corsisti, guidati dai rispettivi docenti, approfondiscono la conoscenza del proprio strumento ed esplorano alcuni aspetti essenziali del suonare come la tecnica strumentale, l’interpretazione, l’improvvisazione.

Nel pomeriggio, invece, l’attività didattica valorizza l’interdisciplinarietà e la condivisione di diverse esperienze artistiche in laboratori di musica d’insieme, calibrati secondo i diversi livelli di competenza dei partecipanti, mediante l’uso di brani originali e/o standard.

Lo scambio di idee ed il confronto tra approcci diversi o complementari viene favorito anche dalle attività pomeridiane del corso di Soundpainting

(tecnica di improvvisazione strutturata in cui il direttore attraverso una sintassi di gesti compone in modo estemporaneo) e della Summer School Orchestra.

A favore di musicisti e di semplici amatori vengono programmate specifiche guide all’ascolto.

Inoltre sono previste jam sessions e concerti ai quali prenderanno parte i docenti, i corsisti, i partecipanti al corso di Soundpainting, i membri dell’Orchestra e gli iscritti all’Associazione irrobustendo al massimo le potenzialità formative dell’evento.

Alla guida dei vari laboratori sono stati individuati musicisti di riconosciuta fama e competenza didattica, anche a livello internazionale: il sassofonista Marcello Allulli, il pianista americano Greg Burk, la cantante Paola Arnesano, il chitarrista Francesco Diodati, il contrabbassista Matteo Bortone e il batterista Ermanno Baron.

Angelo Urso e Giancarlo Nino Locatelli dirigono il corso di soundpainting e Gabriele di Franco guida la Summer School Orchestra.

Finalità

Insegnamento e cultura, didattica e concerti, territorio e sviluppo: questo è l’humus che nutre il progetto.

I partecipanti alle attività seminariali, siano essi musicisti di professione, studenti di musica, appassionati di jazz, semplici uditori, vivendo a stretto contatto con i docenti per un breve ma intenso periodo di tempo, avranno la possibilità di accumulare stimoli e informazioni utili per la maturazione di competenze personali. Inoltre la quotidiana esibizione in pubblico degli insegnanti e dei corsisti mediante jam session e concerti mira ad azzerare la distanza tra musicisti e pubblico, coinvolgendo interpreti e ascoltatori in un virtuoso processo di scambio di energie atto ad affinare la sensibilità ed il gusto per l’arte musicale.

La realizzazione del progetto in un’area territoriale decentrata rispetto ai grandi centri metropolitani ed alle capitali culturali tradizionali restituisce e valorizza la più che trentennale qualificata tradizione jazzistica di Maglie.

campanile2

Questo centro salentino, infatti, ha visto presenti nei suoi ambienti musicisti di spessore che spiccano nel panorama del jazz internazionale e nazionale (Cedar Walton, Billy Higgins, Benny Golson, John Hicks, Frank Lacy, Dado Moroni, Roberto Gatto, Fabrizio Bosso, Franco D’Andrea e tanti altri) e che hanno lasciato traccia in tutte le risorse locali, dalla musica alle professioni, dal turismo al commercio, dal mondo privato alle istituzioni pubbliche.

In quest’ottica Il progetto Maglie Jazz Summer School mira anche a supportare la valenza dei rapporti sinergici tra le diverse realtà culturali, economiche ed istituzionali presenti a Maglie e nel Salento. Se le mission dei vari soggetti perseguono i loro obiettivi in un disegno più ampio di collaborazione, il Territorio si arricchisce materialmente e culturalmente diventando un significativo polo attrattivo.